Instagram marketing per gli eventi: 3 esperienze creative

instagram-marketing-per-gli-eventi

Avete mai sentito parlare di Instagram marketing per gli eventi? Per farvi meglio un’idea, ecco tre esperienze, tutte diverse tra loro, a cui dare un’occhiata.

Instagram è un’applicazione fotografica particolarmente adatta a raccontare territori con il linguaggio universale delle immagini, un breve testo e la possibilità di geolocalizzare… ma di questo parleremo più nello specifico un’altra volta! In questo post vorrei invece discutere di come Instagram possa essere un canale per la promozione di eventi che con il territorio abbiano un certo legame e che aspirino anche a farsi promotori di turismo per quella destinazione.

Del legame tra eventi e turismo ho parlato in un post dedicato, in questo che state leggendo invece vedremo come eventi, turismo e territorio possano intrecciarsi in una strategia di marketing che utilizzi Instagram.

Più che dritte su come utilizzare Instagram, porterò alla vostra attenzione qualche esempio di narrazione di eventi attraverso questo strumento. Magari vi verrà qualche buona idea per la vostra strategia, che – vi ricordo – dovrà essere comunque ricucita su misura per il vostro caso.

Come sempre vi invito a far precedere la formulazione di ogni strategia da un’analisi di listening e di considerare sempre anche l’integrazione di altri canali, come Facebook e Twitter, per i quali vi rimando ai post specifici: Come promuovere un evento su Facebook: 7 consigli e 7 sconsigli e Come promuovere un evento su Twitter, in 3 punti.

Ancora una premessa: come vedrete, alla base di ciascuno dei progetti che sto per raccontarvi c’è il coinvolgimento delle persone. Piena filosofia social, dunque.

Ma chi coinvolgere e come? Per raccontare cosa? Quali foto e quali testi? Ecco alcune strategie che mi sono piaciute! 

#notterosa: un evento lungo 110 km e oltre 35.000 post

Già da qualche anno l’evento dell’estate romagnola per eccellenza è promosso sui social media. L’hashtag prescelto è il più intuitivo possibile, di quelli che – se non sapete che esiste ma ne state cercando uno – vi viene subito in mente: #notterosa. Lanciato sui vari canali social da APT Emilia Romagna (Twitter, Facebook, Pinterest…), è utilizzato dallo staff APT sul proprio canale per raccontare in diretta un evento lungo 110 km.

A dare man forte sono state chiamate le community locali degli appassionati di Instagram. In particolare alcuni Instagramers hanno fatto da inviati speciali nelle città di Comacchio, Cervia, Cesenatico, Bellaria-Igea Marina, Riccione, raccontando fin dal pomeriggio il making of della serata. L’invito ad utilizzare l’hashtag #notterosa è stato comunque esteso a chiunque avesse voglia di partecipare e condividere foto, video e pensieri. Il risultato ad oggi sono 35.311 post. Erano oltre 15mila alla vigilia dell’edizione 2014.

Cosa ritraggono le foto postate? Date un’occhiata: si tratta principalmente di foto ricordo tra amici. E poi albe e tramonti, vita da spiaggia, qualche evento e qualche dettaglio rosa, dell’allestimento o magari del proprio abbigliamento. Scelte che sono tutte indicazioni utili per noi. Naturalmente la maggioranza dei post si concentra nel giorno dell’evento, ma non si esauriscono lì.

Anche se Instagram ha tra le sue caratteristiche l’immediatezza, non manca chi ricorda l’evento durante il resto dell’anno. Così come sono state organizzate dagli Instagramers locali raccolte fotografiche nel periodo precedente l’evento, per mostre che sono state allestite in occasione della Notte Rosa.

notte-rosa-instagramers

 

#festlet: il Festival Letteratura è fatto di persone

Operazione diversa per il Festival Letteratura di Mantova che con il proprio account festivaletteratura nel 2014 ha scelto di concentrarsi su uno dei suoi punti di forza, ovvero i volontari, le magliette blu,

“perché il festival è fatto di persone”.

Sono stati quindi pubblicati via via i loro ritratti, con una breve frase simpatica e descrittiva, a volte una testimonianza. I volontari sono stati fotografati durante il Festival, durante la loro attività o in posa, magari davanti a luoghi suggestivi della città. In questo modo è stato raccontato il dietro le quinte dell’evento, ma con il forte coinvolgimento emotivo che sempre provocano i ritratti. Non sono mancati i commenti di chi conosce le persone ritratte, ma anche i complimenti a impresa completata con un totale di 200 post.

Gli hashtag creati e utilizzati sono stati #festlet e #festivaletteratura, che naturalmente sono stati utilizzati anche da altri Instagramers per un totale di 1892 post per #festivaletteratura, 1956 per #festlet.

Cos’hanno fotografato gli altri account? Eventi, citazioni, selfie, libri, la città (sempre con commenti entusiasti, a volte dicendo di avere scoperto una città meravigliosa grazie al festival), il pubblico, gli ospiti, il cibo, i biglietti… Ecco un paio di screenshot!

evento-fl-instagram


facce-festival-letteratura-

 

#festivalfilosofia: clicca e vinci contest, gallery e mostre

Negli ultimi anni il Festival Filosofia di Modena, Carpi e Sassuolo si è mosso su diversi fronti,  con la collaborazione degli Instagramers di Modena. Per incentivare lo scatto e la condivisione su Instagram sono state fatte selezioni per gli scatti migliori e varie gallery.

Nel 2013 è stato organizzato un challenge, promosso insieme a @iosonogeco, profilo del  portale degli Informagiovani dell’Emilia Romagna. L’invito per quella edizione del Festival, il cui tema era l’amore, era a fotografare chi o cosa si amava di più: l’innamorato/a, gli amici, la famiglia, gli animali, le idee o i valori. L’importante era che fosse

“un atto d’amore fotografico puro e bello come il più prezioso e grande dei sentimenti!”.

Hashtag: #iosonoinnamorato, #igersmodena e #iosonogeco. Le foto più belle e significative sono poi state messe in mostra.

Nel 2014, utilizzando l’hashtag #‎igersmodena, si poteva partecipare alla selezione dei 4 scatti migliori. Utilizzando #‎festivalfilo14 si poteva invece comparire nella gallery di una testata giornalistica locale: @gazzettamodena, utilizzando #‎cittadimodena in quella del Comune: @cittadimodena. È stato organizzato anche il contest Fotofilosofia14, sempre in collaborazione con @cittadimodena, chiedendo di mostrare gli scatti agli eventi e ai momenti più significativi dell’evento usando i tags #fotofilosofia14 e #ig_modena. Le dieci foto più belle e significative sono state stampate ed esposte nel mese successivo.

Al di là dei contest e delle foto fatte per essere selezionate tra gallery e mostre, cosa hanno fotografato gli utenti? Eventi, ospiti (con citazioni nel testo), le mostre, la città allestita e i monumenti cittadini, selfie anche di gruppo, momenti al ristorante, cibo e vino, cartoline e magliette con aforismi, shopper con il logo (gadget e materiali informativi del festival), i momenti in attesa dell’inizio dell’evento, il pubblico, gli amici, lo staff, le bancarelle e i distributori automatici di libri, ma anche i landmark, gli allestimenti con il logo del Festival… insomma si vuole far vedere che si è proprio lì! Lì, in una città che si scopre interessante anche da un punto di vista turistico, soprattutto per gli aspetti culturali e gastronomici.

Giusto per darvi qualche risultato, #festivalfilosofia è presente in 1.403 post, #festivalfilo14 in 193, #fotofilosofia14 in 203, #festivalfilosofia2014 in 116, #festivalfilosofia14 in 56.

E #iosonoinnamorato? Eccolo nello screenshot qui sotto!

festival-filosofia-instagram

 

Che ne dite, vi è venuta qualche idea? Ne conoscete qualcuna realizzate e interessante? I commenti sono aperti!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...