Come promuovere un evento su Facebook: 7 consigli e 7 sconsigli

facebook-eventi

Se vi state chiedendo come promuovere un evento su Facebook, qui trovate la risposta.

Negli ultimi anni mi sono fatta un po’ di esperienza sul campo, lavorando nel turismo e nella comunicazione per gli eventi, e penso di potervi dare buoni consigli, sfatare qualche mito e suggerirvi un metodo di lavoro. Vedremo insieme anche qualche esempio. Il resto del lavoro sarà vostro – o della persona che incaricherete – e naturalmente comprenderà l’elaborazione di una strategia editoriale vera e propria, che qui non è possibile fornirvi. Entrando nel dettaglio, infatti, ciascuno dovrà ritagliarla su misura dell’evento che intende promuovere.

Attenzione, vi parlerò pensando a grandi eventi, eventi ricorrenti, come i festival, organizzati con anticipo e con un sito web di riferimento. Se per caso però vi state chiedendo cosa c’entrino gli eventi con il turismo, forse dovreste prima leggere il post che ho dedicato proprio a quest’argomento: Cosa c’entrano gli eventi con il turismo?

Allora, convinti? Pronti? Partiamo!

Prima di parlare, ascolta!

Innanzitutto, chiedetevi: devo proprio farlo attraverso Facebook? Intendo dire che non è né obbligatorio né scontato. Approntando una strategia di marketing si scelgono i canali in relazione al target che si vuole raggiungere, ovvero si va a comunicare là dove il nostro pubblico è raggiungibile. Nel caso del social media marketing abbiamo un’arma formidabile per sapere dove il nostro pubblico passa il tempo: si tratta del social media listening, di cui ho ampiamente parlato nel post Social media listening: alla base di una strategia digitale vincente.

Facendo listening verrete a sapere non solo dove il vostro pubblico si ritrova, ma anche dove parlano i vostri competitor, cosa si dice di voi e di loro e chi lo dice, come vi posizionate voi e come si posizionano i competitor, le esigenze, i bisogni, i dubbi, le motivazioni, le resistenze del vostro pubblico.

Una volta fatto questo lungo e impegnativo lavoro propedeutico, allora sarete pronti per elaborare una strategia di social media marketing che vi permetta di inserirvi nelle conversazioni in modo utile ai vostri obiettivi, in modo efficace. Facilmente la strategia sarà multicanale. Dovesse comprendere Facebook, allora andate pure avanti nella lettura. 🙂

Nell’elaborare una strategia di social media marketing su Facebook, vi renderete conto di dover prendere subito alcune decisioni e di dover fare un lavoro di ricerca dei materiali di cui avrete bisogno: si tratta di fotografie, video, testi, fonti da cui attingere… è un lavoro lungo, che a volte conosce qualche ostacolo, per cui vi consiglio di farlo prima.

Vi consiglio anche di scegliere un hashtag, una parola chiave preceduta dal # (cliccabile, rimanda a una lista di post pubblici o degli amici con lo stesso hashtag), che sia identificativa e univoca per il vostro evento (quindi verificate bene che non sia già usata da altri e che non rischiate di confondere le idee al vostro pubblico).  L’hashtag sarà lo stesso per gli altri canali di cui vi servirete e potreste valutare di riportarlo anche su materiali di comunicazione offline.
Devo dire che su Facebook l’utilità è ancora controversa, ma per coerenza, per favorirne l’uso anche sugli altri canali (Twitter o Instagram), io lo userei. Un esempio?  ‪#‎festivalfilo14 per il Festival Filosofia, usato anche su Twitter e su Instagram e non solo dall’organizzazione… ma ne riparleremo nei post dedicati a questi due canali.

Intanto, sul tema dell’impostazione della pagina, date un’occhiata a quest’ottimo esempio del Festival Letteratura di Mantova!

La pagina del Festival Letteratura di Mantova

La pagina del Festival Letteratura di Mantova

 

Come promuovere un evento su Facebook: 7 consigli

Vi consiglierei di…

  1. Partire per tempo creando una pagina, una fan page. Se l’evento è periodico, nella vostra strategia rientrerà il tenerlo vivo prima e dopo, tra un’edizione e l’altra insomma. Questa pare quindi la soluzione migliore, che permette anche programmazione post e monitoraggio e molti altri vantaggi.
  2. Integrate nella vostra pagina altri canali social che utilizzerete, ci sono app per farlo e otterrete un effetto di rinforzo.
  3. Prima dell’evento: coinvolgete il potenziale pubblico, rivelando pian piano il programma con contributi di vario tipo (foto della location e gli ospiti, video di performance e interviste, citazioni dagli ospiti), ma anche mostrando il dietro le quinte, quindi il lavoro organizzativo, l’allestimento…
  4. Prima: raccontate anche tutto ciò che sta attorno all’evento e può essere utile e interessante per chi potrebbe venire: l’ospitalità, i trasporti, i parcheggi, servizi vari, sconti e agevolazioni, altro da fare…
  5. Prima e dopo: cercare di instaurare con il vostro pubblico un dialogo sul tema dell’evento, che si tratti di filosofia, letteratura, cinema, musica…. Anche creando una sorta di rubrica, un appuntamento fisso, che diventerà magari una bella abitudine per chi vi segue. Cominciate così a inserirvi nelle conversazioni di una comunità di persone interessate, che poi si ritroverà con piacere all’evento. Ricordate che la gente partecipa per condividere un interesse comune!
  6. Durante l’evento: fate la diretta con quello che accade, che viene detto, con fotografie, brevi racconti, foto del pubblico. Condividete l’entusiasmo vostro e dei visitatori (dai quali potrete ricondividere qualcosa). In questo modo porterete freschezza e mostrerete a chi è a casa cosa sta davvero succedendo e… cosa si stanno perdendo!
  7. Dopo: raccontate ciò che è stato. Nei giorni successivi potreste pubblicare album di foto direttamente su Facebook, magari mostrando il pubblico e non solo gli eventi. Chi non ama rivedere e rivedersi? Potreste proporre anche video professionali e montati (è possibile direttamente su Facebook, per video brevi, se lunghi meglio usare un canale Youtube), postare i risultati dell’evento in termini di partecipazione, ringraziare il pubblico… Pubblicate anche i contenuti che il pubblico vi invierà nei giorni successivi (foto, feedback), condividete… Se è stata fatta una registrazione di qualche momento particolare (ad esempio degli incontri, delle conferenze) e avete un archivio video sul vostro sito o su canale youtube, potreste programmare post con link, in modo scaglionato per tenere viva l’attenzione fino all’edizione successiva…

Prima degli sconsigli, ecco qualche screenshot di esempio, entrambi dalla pagina del Festival Filosofia, che si tiene a Modena, Carpi e Sassuolo (si noti come riscuotano il successo del pubblico)….evento-filosofia-post

evento-ff-post-facebook
 

Come promuovere un evento su Facebook: 7 sconsigli

Vi sconsiglierei di…

  1. creare l’evento invece della pagina. Voi non siete stanchi di tutti quegli inviti che ricevete? E le notifiche poi? Io lo trovo fastidioso e invasivo. In ogni caso ha poco senso se la nostra strategia è a lungo termine, se volete tenere vivo l’evento tra un’edizione e l’altra e lavorate sul coinvolgimento di una comunità interessata, da fidelizzare. L’evento poi, inviti a parte, offre meno opportunità di una pagina;
  2. scrivere cose del tipo “venite”: dovete dare motivazioni, non ordini. Se proprio, un “vi aspettiamo” va già meglio;
  3. parlare solo dell’evento, essere autoreferenziali: non vi annoiano le persone che parlano solo di sé stesse?
  4. far uscire solo post programmati e non pensarci più, non fare mai nulla live, in modo spontaneo e vissuto. La differenza si sente!
  5. non rispondere. E vi consiglio invece di fare esattamente il contrario: rispondete sempre e fatelo pubblicamente, se la domanda è posta pubblicamente. Potrebbe essere utile a tutti e sono occasioni da non perdere, sia per dare informazioni sia per mostrarsi attenti verso il vostro pubblico e non solo lì per vendere qualcosa. Rispondete anche se sono critiche, giratele a vostro vantaggio;
  6. ignorare i feedback del vostro pubblico, non tenerne conto a livello di comunicazione ma anche di organizzazione dell’evento stesso: dietro a una domanda può esserci un’esigenza ed è una vera fortuna per voi che sia portata alla vostra attenzione, così da poter migliorare il servizio che fate;
  7. ignorare le statistiche, quindi non monitorare l’andamento in termini di visibilità e coinvolgimento, ma andare avanti ciecamente senza mai rivedere e aggiustare il vostro piano.

Ecco ancora un paio di screenshot di esempio…

evento-fl-facebook

evento-ff-pagina-facebook
 
E voi? Qual è la vostra esperienza? Avete mai gestito la promozione di eventi su Facebook? Avete voglia di condividere la vostra opinione?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...